Il presente documento è il frutto del lavoro di un gruppo di diabetologi della Regione Campania, che hanno condiviso esperienze e opinioni sulla presa in carico del paziente con diabete di tipo 2 nella real life, anche alla luce dei benefici ottenibili dall’impiego nella pratica clinica di una nuova classe di molecole: gli SLGT2-inibitori. In occasione dei due workshop nei quali si è articolato il progetto, sono stati analizzati gli esiti dei più importanti studi clinici di efficacia e sicurezza di una terapia farmacologica che consente di controllare le complicanze cardiovascolari associate al diabete di tipo 2, esercitando allo stesso tempo un effetto nefroprotettivo. Per contestualizzare maggiormente gli esiti del percorso, i partecipanti sono stati coinvolti in un audit percettivo allo scopo di inquadrare e dibattere i fattori che influiscono maggiormente sul percorso assistenziale del paziente diabetico, dalla definizione della terapia alla necessità di un raccordo ospedale-territorio, passando per la modificazione degli stili di vita e una adeguata educazione all’autogestione.

Vedi il documento completo   ›

Write A Comment