Gianluigi Cussotto

La comunicazione invade i nostri spazi, ci “circonda” attraverso una invasione di media e social media. Non di rado al centro della comunicazione si colloca il tema della salute, affrontato con diversi gradi di intensità, diversi “target” e diverse prospettive .
Quando il tema della comunicazione in sanità viene affrontato dagli operatori sanitari, si trasforma inevitabilmente in una grande responsabilità.

Spetta dunque agli operatori sanitari saper “scrivere” ossia rendere fruibile, rispetto a un pubblico di colleghi, altri operatori sanitari pazienti, manager…. i contenuti delle proprie esperienze professionali e in particolare se tali contenuti si correlano a una attività di ricerca.

Ma a loro spetta anche “saper leggere”, ossia interpretare, valutare e “pensare” le informazioni che vengono proposte dal contesto, per apprezzarne l’impatto e le conseguenze sul proprio modo di agire.

I principi della scrittura tecnico-scientifica dovrebbero essere annoverati all’interno del know how dei professionisti sanitari dal momento che la comunicazione, intesa ovviamente come condivisione di conoscenze, e la valutazione delle La Comunicazione Scientifica pratiche, intesa come acquisizione e condivisione di dati, nella best practice rappresenta una prassi consolidata oltre a un dovere. Eppure tale formazione a livello universitario non è garantita e la scrittura scientifica rimane prerogativa solo di alcuni professionisti sanitari o confinata agli ambiti accademici o di ricerca. La redazione d

i pubblicazioni scientifiche (articoli divulgativi, articoli su riviste scientifiche, abstract e poster per Congressi, case report, ecc.) richiede non solo un’esposizione chiara, precisa e qualificata delle argomentazioni trattate ma anche la capacità di catturare l’attenzione di chi legge.

Comunicare significa non solo condividere conoscenze ma anche prospettare interazioni e creare collaborazioni. Essere in grado di esprimersi in maniera competente e qualificata deve, quindi combinarsi con la capacità di interfacciarsi con i diversi professionisti sanitari e di saper adattare le proprie modalità espressive all’interlocutore per, da un lato, essere apprezzati in un contesto scientifico e, dall’altro, realizzare collaborazioni efficaci.

Obiettivo del corso “La comunicazione scientifica. Saper leggere e scrivere un articolo” (Verona, 18.5.2018) è fornire gli strumenti di base in grado di assicurare l’efficacia e l’efficienza richieste a una pubblicazione tecnico scientifica, sia questa cartacea e/o elettronica (e nel secondo caso anche una diffusione e visibilità massima a fronte di costi contenuti); il corso ha altresì lo scopo di approfondire le competenze relazionali che sottostanno alla comunicazione finalizzata alla collaborazione.

Write A Comment